FAQ

Procedura Organizzazione giovanile
Azzera filtro
  • Procedura Organizzazione giovanile
    Quali requisiti sono necessari per partecipare agli avvisi di Luoghi Comuni dedicati alle Organizzazioni Giovanili?

    Le Organizzazioni Giovanili, al momento della presentazione della candidatura, devono:

    – avere almeno una sede legale o operativa in Puglia;

    – avere il proprio organo di amministrazione (consiglio direttivo, consiglio di amministrazione, etc.) composto in maggioranza da giovani di età compresa tra 18 e 35 anni;

    – non essere nelle condizioni previste dall’art. 80 del D.Lgs. 50/2016 e s.m.i. che precludono la possibilità di contrarre con la pubblica amministrazione;

    – essere iscritte al Registro Unico Nazionale del Terzo settore (RUNTS). Nelle more dell’istituzione del RUNTS, ai sensi dell’articolo 101 commi 2 e 3 del Codice del Terzo Settore, il requisito si intende soddisfatto attraverso l’iscrizione delle Organizzazioni ad uno dei registri attualmente previsti dalle normative di settore.

    Attualmente, i Registri previsti e validi nelle more dell’istituzione del RUNTS sono quelli delle: Associazioni di Promozione Sociale (APS), Organizzazioni di Volontariato (OdV), ONLUS e Imprese sociali.

    Qualora queste tipologie di Organizzazioni fossero state costituite prima dell’entrata in vigore del D.lgs 117/2017, dovranno adeguare i propri statuti alle disposizioni del nuovo Codice del Terzo Settore. Per le Organizzazioni costituite (o che si costituiranno) successivamente all’entrata in vigore del decreto, si presuppone che il loro statuto sia già conforme a quanto previsto dal nuovo Codice del Terzo Settore.

  • Procedura Organizzazione giovanile
    Quali caratteristiche deve possedere un’Organizzazione per partecipare a Luoghi Comuni?

    Per partecipare a Luoghi Comuni, un’Organizzazione deve operare nel Terzo Settore ed essere costituita in una delle forme giuridiche previste dall’art. 4, comma 1, del Decreto Legislativo 3 luglio 2017, n. 117 “Codice del Terzo settore”. L’Organizzazione deve avere sede in Puglia e avere il proprio organo di amministrazione (consiglio direttivo, consiglio di amministrazione etc.) composto in maggioranza da giovani fino a 35 anni.

    Non è richiesta una storicità dell’Organizzazione e non possono candidarsi gruppi informali.

  • Procedura Organizzazione giovanile
    Come vengono assegnati alle Organizzazioni giovanili gli spazi inseriti in piattaforma?

    Per individuare il soggetto a cui assegnare lo spazio da attivare, verrà pubblicato un Avviso rivolto ad Organizzazioni giovanili del Terzo Settore. Le Organizzazioni giovanili dovranno presentare un progetto di innovazione sociale capace di rispondere ai bisogni del territorio, che sia calibrato sulle potenzialità dello spazio e sugli ambiti di intervento indicati dall’Ente proprietario.

    I progetti presentati saranno valutati da una commissione di esperti che selezionerà la proposta migliore e individuerà l’Organizzazione giovanile che parteciperà al tavolo di co-progettazione con l’Ente titolare dello spazio, la Regione Puglia e l’ARTI. Al termine della co-progettazione si giungerà al progetto esecutivo di dettaglio da realizzare all’interno dello spazio.

  • Procedura Organizzazione giovanile
    La candidatura di uno spazio può essere effettuata da un’Organizzazione giovanile interessata o solamente dall’Ente pubblico titolare dello spazio?

    La candidatura di uno spazio può essere effettuata unicamente dall’Ente titolare, in quanto proprietario o perché ne abbia la piena disponibilità per un periodo pari almeno a 36 mesi. Tuttavia, un’Organizzazione giovanile può segnalare a un Ente pubblico l’iniziativa Luoghi Comuni affinché gli spazi in suo possesso vengano candidati e messi a disposizione.

  • Procedura Organizzazione giovanile
    Quanti progetti possono essere finanziati su uno spazio?

    Ogni spazio può ospitare un solo progetto di innovazione sociale che dovrà interessare l’intero bene pubblicato in piattaforma. L’Organizzazione che ottiene il finanziamento riceverà in comodato d’uso gratuito lo spazio e si impegnerà a realizzare il progetto finanziato coinvolgendo la comunità di riferimento e il territorio tutto. I progetti devono avere la durata di 24 mesi.