Come partecipare

Seleziona un profilo

Registrazione

Gli Enti che vogliono aderire all’iniziativa possono registrarsi alla piattaforma luoghicomuni.regione.puglia.it a partire dalle ore 12:00 dell’11/12/2018.

La registrazione deve essere effettuata da un referente (individuato come Responsabile Unico del Procedimento) capace di fornire i dati anagrafici e tecnici utili al completamento della procedura.

Nell’area di registrazione occorre selezionare il profilo Ente pubblico e definirne la tipologia. Qualora l’Ente sia un Comune è sufficiente selezionare la denominazione corrispondente. Negli altri casi, si potrà scegliere fra ulteriori denominazioni o inserirne una nuova.

I dati richiesti per la registrazione del referente sono: nome, cognome, ruolo all’interno dell’Ente, numero di telefono e indirizzo e-mail. Si consiglia di non utilizzare un indirizzo di Posta Elettronica Certificata (PEC), dal momento che potrebbe non essere abilitato alla ricezione delle notifiche automatiche inviate dal sistema.

Conclusa la registrazione, il sistema inoltra un messaggio di conferma all’indirizzo e-mail indicato. Se si è utilizzato un indirizzo istituzionale, si potrà immediatamente attivare l’utenza cliccando sul link di conferma impostando una password. Negli altri casi, l’utenza sarà attivabile dopo la validazione dello staff, che sarà notificata da una seconda comunicazione.

Con le credenziali in suo possesso, il referente può infine accedere alla procedura di candidatura.


Candidatura spazi

Per ciascuno spazio da candidare, l’Ente che ha completato la registrazione può procedere alla compilazione del formulario, alla revisione e convalida della candidatura e all’inoltro della domanda di partecipazione.

La bacheca personale, cui si accede dopo l’autenticazione, contiene un riepilogo degli spazi inseriti e indica lo stato delle relative candidature. Dalla bacheca è possibile aprire nuove candidature, oppure proseguire o annullare candidature in corso.

Prima di iniziare la procedura di candidatura è necessario verificare che lo spazio sia:

  • situato all’interno del territorio della Regione Puglia;
  • nella piena disponibilità dell’Ente proponente (in quanto proprietario o perché ne abbia, a qualsiasi titolo, la piena disponibilità per un periodo pari almeno a 36 mesi);
  • privo di un soggetto gestore o di un concessionario privato, ovvero con una gestione in scadenza entro 3 mesi;
  • in un buono stato di conservazione, agibile, salubre e dotato di servizi igienici.

Il formulario di candidatura è articolato in quattro sezioni: Anagrafica, Condizioni generali, Vincoli e prescrizioni, Allegati. Ciascuna di esse può essere compilata in una o più sessioni indipendenti. Affinché le informazioni inserite vengano conservate dalla piattaforma, è necessario salvarle mediante l’apposito pulsante.

Prima della convalida della candidatura, le informazioni inserite possono essere integrate e modificate in qualsiasi momento e senza alcun limite. La convalida è possibile solo quando i campi obbligatori di tutte le sezioni del formulario risultano correttamente compilati.

In fase di convalida viene visualizzato un riepilogo integrale della candidatura e si richiede una conferma della correttezza e veridicità di tutte le informazioni inserite. Al termine del riepilogo è possibile tornare al formulario per effettuare eventuali correzioni, oppure convalidare la candidatura. In seguito alla convalida, le informazioni inserite vengono acquisite definitivamente e non possono più essere modificate.

Dopo la convalida, il sistema genera una Domanda di Candidatura in formato pdf, che deve essere sottoscritta digitalmente dal Responsabile del Procedimento nominato e delegato dall’Ente. Per concludere con successo la procedura, la domanda deve essere caricata nel sistema come file p7m o pdf del peso massimo di 5 MB.

Ciascun Ente può inoltrare fino a un massimo di tre candidature per volta. Diventa possibile inviare ulteriori candidature solo nel caso in cui una delle precedenti:

  • riceva un giudizio di inammissibilità;
  • riceva una valutazione inferiore alla soglia di selezione;
  • sia ritirata dall’Ente stesso;
  • riceva una valutazione positiva e vengano attivati i servizi co-progettati all’interno dello spazio.

Anagrafica

Questa sezione richiede le informazioni generali relative allo spazio candidato e al RUP nominato dall’Ente.

Nome dello spazio Inserisci il nome in uso per identificare lo spazio.

Tipologia dello spazio Seleziona la tipologia dello spazio dal menu a tendina.

Breve descrizione dello spazio Insersici una breve descrizione dello spazio, che contribuirà a presentarlo agli utenti della piattaforma. Massimo 80 caratteri.

Comune, Provincia e Indirizzo Inserisci l’indirizzo dello spazio e seleziona il comune di appartenenza dal menu a tendina. Dopo aver immesso questi dati, lo spazio viene localizzato automaticamente sulla mappa. Nel caso in cui la posizione non risultasse corretta, è possibile riposizionare manualmente il puntatore.

Collocazione Definisci la collocazione dello spazio selezionando una delle tre opzioni: al coperto, all’aperto, al coperto e all’aperto. A seconda dell’opzione scelta, il sistema richiede di indicare anche il numero dei locali che compongono lo spazio e la superficie delle aree interne e/o esterne.

RUP Inserisci i dati anagrafici del Responsabile Unico del Procedimento. Mediante l’apposito tasto, è possibile popolare automaticamente tutti i campi richiamando i dati dell’utenza in uso. Il sistema richiede anche gli estremi dell’atto di nomina e la disponibilità del RUP a effettuare sopralluoghi insieme alle Organizzazioni giovanili interessate.

Condizioni generali

Questa sezione richiede una descrizione dettagliata dello spazio, che include dati tecnici, analisi di contesto e modalità di compartecipazione dell’Ente.

Descrizione generale dello spazio Descrivi le caratteristiche generali dello spazio, gli allacci in essere, gli eventuali arredi e/o attrezzature disponibili. Massimo 500 caratteri.

Contesto territoriale e sociale Descrivi il contesto in cui il bene è collocato e l’eventuale presenza di strutture limitrofe o servizi disponibili (scuole, parrocchie, strutture sportive, parchi, etc.). Massimo 800 caratteri.

Attuale destinazione d’uso Descrivi l’attuale destinazione d’uso dello spazio. Massimo 500 caratteri.

Stato di sicurezza, salubrità e igiene Descrivi lo stato di sicurezza di facciate, coperture, pavimentazione, murature, infissi, allacci e impianti esistenti, sanitari ed eventuali spazi esterni. Massimo 800 caratteri.

Punti di forza e criticità dello spazio Elenca fino a 3 punti di forza e fino a 3 criticità dello spazio. Descrivili per parole chiave, in estrema sintesi. Massimo 40 caratteri per voce.

Fruibilità dello spazio Segnala l’eventuale dotazione di parcheggi e descrivi la raggiungibilità dello spazio tramite trasporto pubblico. Massimo 500 caratteri.

Accessibilità degli spazi interni/esterni Indica se le aree interne ed esterne (aree perimetrali, strade di accesso, marciapiedi, etc.) allo spazio sono pienamente accessibili. Qualora fossero presenti limitazioni di qualsiasi genere, il sistema richiede di specificarle in massimo 200 caratteri.

Obiettivi della candidatura Esponi gli obiettivi che l’Ente intende raggiungere con la candidatura dello spazio, in coerenza con i propri indirizzi strategici. Massimo 500 caratteri.

Compartecipazione dell’Ente Descrivi l’apporto – in termini di collaborazione, supporto e impegno – che l’Ente intende garantire per la rivitalizzazione dello spazio candidato. Massimo 500 caratteri.

Sistemi di monitoraggio dei servizi co-progettati Descrivi le attività di monitoraggio che l’Ente intende svolgere per favorire la collaborazione con l’Organizzazione giovanile e per verificare l’esecuzione del servizio co-progettato. Massimo 500 caratteri.

Complementarietà  Indica se lo spazio candidato è stato precedentemente riqualificato attraverso altre risorse pubbliche. In caso affermativo, il sistema richiede di dettagliare in massimo 200 caratteri quali tipologie di risorse sono state impiegate.

Vincoli e prescrizioni

Questa sezione richiede di individuare i vincoli presenti sullo spazio e definire eventuali indirizzi d’uso.

Accesso indipendente Indica se lo spazio è dotato di un accesso indipendente. Qualora non lo fosse, il sistema richiede di segnalare le restrizioni in termini di orari e/o giorni in massimo 500 caratteri.

Vincoli di tutela dettati da normative Elenca gli eventuali vincoli posti da enti terzi come ad esempio: il Decreto legislativo n. 42/2004 – Parte seconda – Beni culturali; il Decreto legislativo n. 42/2004 – Parte terza – Beni paesaggistici; la Legge n. 394/1991 – “Legge quadro aree protette”. Massimo 800 caratteri.

Prescrizioni per manutenzione Elenca gli eventuali interventi di manutenzione non consentiti. Massimo 500 caratteri.

Prescrizioni per attività Elenca e motiva gli eventuali usi consentiti/non consentiti dai vincoli sussistenti (ad es. destinazione d’uso dell’immobile e/o finanziamenti terzi che limitano le attività realizzabili). Massimo 500 caratteri.

Ambiti di intervento prioritari Indica se l’Ente intende definire ambiti di intervento prioritari per i progetti da realizzare all’interno dello spazio candidato. In caso affermativo, seleziona uno o più ambiti tra quelli proposti dal sistema.

Allegati

Questa sezione permette di caricare tutta la documentazione necessaria al completamento della candidatura.

Nel preparare la documentazione da allegare, assicurati che tutte le scansioni risultino leggibili.

Pianta quotata Carica una pianta dettagliata dello spazio. Formato pdf, jpg, zip o dwg. Dimensioni massime 10 mb.

Idoneità spazi Carica copia della documentazione con cui l’Ente attesta l’idoneità e la piena funzionalità dello spazio per lo svolgimento di attività di pubblico interesse (agibilità o altra certificazione sostitutiva). Formato pdf. Dimensioni massime 2 mb.

Elenco di forniture e arredi in dotazione Carica un elenco dettagliato delle eventuali forniture e/o arredi in dotazione allo spazio. Se necessario, allega anche eventuale documentazione di supporto (ad es. schede tecniche, foto, etc.). Formato pdf. Dimensioni massime 2 mb.

Foto Carica una documentazione fotografica completa, da cui si evinca con chiarezza lo stato di fatto di tutti gli ambienti dello spazio, interni ed esterni. Formato jpg. Dimensioni massime complessive 20 mb.

Video Se disponibile, incolla l’url di un video da YouTube, Vimeo o Dailymotion che documenti lo stato di fatto dello spazio.

Estremi dell’atto deliberativo Inserisci gli estremi dell’atto deliberativo con cui l’Ente aderisce a Luoghi Comuni, conformemente all’art. 7 dell’Avviso.

Atto deliberativo di adesione Carica copia dell’atto deliberativo di adesione. Formato pdf. Dimensioni massime 2 mb.


Valutazione

Le candidature ammissibili verranno valutate con un un punteggio da 0 a 70 punti, secondo i seguenti macro e micro criteri.

Qualità e coerenza della candidatura

Accuratezza e chiarezza delle informazioni tecniche relative allo spazio. Livello di dettaglio e approfondimento delle informazioni e dei dati tecnici forniti in sede di candidatura sullo spazio da rivitalizzare. Massimo 10 punti su 70.

Qualità dell’analisi di contesto. Grado di definizione del contesto territoriale e sociale all’interno del quale è collocato lo spazio candidato. Analisi dei bisogni su cui è necessario intervenire e dei servizi disponibili nell’area in cui lo spazio è situato. Massimo 10 punti su 70.

Adeguatezza dello spazio candidato rispetto alle finalità della misura, alle tipologie di azioni da attivare ed ai soggetti da coinvolgere. Massimo 30 punti totali su 70.

  • Grado di attrattività dello spazio.
    Condizioni generali del bene; rilevanza storica e architettonica; presenza di infrastrutture che favoriscano la realizzazione di servizi e attività economicamente sostenibili; ubicazione dello spazio e capacità di essere accessibile e fruibile da parte dell’utenza finale. Fino a 15 punti.
  • Dotazioni in essere dello spazio.
    Adeguatezza dei servizi igienici e degli impianti, qualità delle forniture e degli arredi. Fino a 5 punti.
  • Coerenza con le tipologie di azioni/servizi da attivare.
    Compatibilità dello spazio con le finalità della misura e gli ambiti di intervento prioritari individuati dall’Ente. Fino a 10 punti.

Grado di compartecipazione dell’Ente proponente. Qualità dell’apporto (in termini di collaborazione, supporto e impegno) che l’Ente intende garantire per la rivitalizzazione dello spazio candidato. Massimo 10 punti su 70.

Coerenza della candidatura rispetto agli obiettivi strategici dell’Ente. Chiarezza degli obiettivi che si intendono raggiungere con la candidatura dello spazio in coerenza con gli indirizzi strategici dell’Ente proponente. Massimo 5 punti su 70.

Monitoraggio dei servizi

Adeguatezza degli strumenti di monitoraggio a supporto della cooperazione pubblico-privata avviata e per l’efficace realizzazione dell’intervento co-progettato. Qualità degli strumenti di cui l’Ente intende dotarsi per favorire la collaborazione con l’Organizzazione giovanile e per monitorare l’esecuzione del servizio co-progettato. Massimo 5 punti su 70.

Per l’attribuzione del punteggio, si procederà a moltiplicare il punteggio massimo previsto per ciascun criterio o sub-criterio per i moltiplicatori corrispondenti ai seguenti giudizi:

  • Eccellente: 1
  • Buono: 0.8
  • Sufficiente: 0.6
  • Insufficiente: 0.4
  • Scarso: 0.2

Verranno selezionate le candidature che abbiano ricevuto un punteggio complessivo uguale o superiore a 42 punti e che per, per ciascun criterio o sub-criterio, abbiano ricevuto un giudizio uguale o superiore a “sufficiente”.


In caso di ammissione

Le candidature saranno valutate dalla Regione Puglia al fine di essere inserite nel catalogo aperto di beni da riattivare mediante progetti di innovazione sociale.

In caso di selezione dello spazio, ARTI provvede a pubblicare sulla piattaforma luoghicomuni.regione.puglia.it una scheda di presentazione dello spazio e successivamente ad attivare un Avviso per l’individuazione di Organizzazioni giovanili del Terzo Settore interessate a co-progettare un intervento di innovazione sociale da realizzare nello spazio messo a disposizione dall’Ente.

La Organizzazioni giovanili candideranno la propria proposta tramite la piattaforma di Luoghi Comuni.


Co-progettazione

Luoghi Comuni utilizza la co-progettazione per la realizzazione dei progetti.

Questo strumento, previsto dal Codice del Terzo Settore approvato con Decreto legislativo n. 117 del 3 luglio 2017, consente agli Enti pubblici e alle Organizzazioni giovanili del Terzo Settore di condividere gli interventi da realizzare nello spazio candidato e collaborare per rispondere ai bisogni del territorio.

Aderendo all’iniziativa Luoghi Comuni, gli Enti pubblici titolari degli spazi si impegnano a utilizzare le procedure di co-progettazione per dialogare con le Organizzazioni giovanili del Terzo Settore interessate a realizzare progetti di innovazione sociale negli spazi candidati.

Registrazione

Le Organizzazioni giovanili interessate a partecipare all’iniziativa e a candidare un progetto di innovazione sociale potranno aprire un profilo sulla piattaforma luoghicomuni.regione.puglia.it a partire dalla pubblicazione dei primi spazi disponibili.

Potranno registrarsi le Organizzazioni giovanili del Terzo Settore costituite in una delle forme giuridiche previste dall’art. 4, comma 1, del Decreto Legislativo n. 117 del 3 luglio 2017, “Codice del Terzo Settore”. Le stesse dovranno avere sede in Puglia e avere il proprio organo di amministrazione composto in maggioranza da giovani fino a 35 anni.

Per registrarsi alla piattaforma sarà necessario fornire il nome dell’Organizzazione, il Codice Fiscale e/o la partita Iva e la tipologia di soggetto giuridico, unitamente ai dati anagrafici del referente. Quest’ultimo potrà quindi accedere all’area personale e iniziare la procedura di candidatura del progetto per lo spazio individuato.


Candidatura progetti

Per candidare un progetto di innovazione sociale, le Organizzazioni giovanili registrate dovranno compilare il formulario di candidatura online.

Per ciascuno spazio inserito in piattaforma verrà pubblicato un Avviso specifico basato su un modello standard. Il bando indicherà le modalità di partecipazione, le caratteristiche dello spazio, la scadenza per la presentazione delle proposte e i criteri di valutazione.

In sede di candidatura, attraverso la compilazione del formulario online, le Organizzazioni giovanili dovranno fornire le seguenti informazioni:

  • dati del soggetto proponente e del legale rappresentante;
  • presentazione del proponente e degli eventuali partner coinvolti;
  • descrizione dell’idea progettuale con specifica attenzione alle caratteristiche di innovazione sociale e agli elementi di sostenibilità;
  • eventuali interventi di manutenzione previsti per lo spazio.

Ogni progetto potrà beneficiare di massimo 40.000 euro. Il finanziamento coprirà sia le attività progettuali che piccoli interventi di manutenzione dello spazio.

I progetti dovranno avere una durata di 24 mesi: i primi 18 saranno finanziati con le risorse ricevute; per gli ultimi 6 mesi le Organizzazioni giovanili dovranno impegnarsi a compartecipare con proprie risorse per il prosieguo delle attività.


Valutazione

Ogni proposta, dopo aver superato i criteri di ammissibilità previsti dal bando, sarà valutata da una commissione esterna.

La commissione terrà conto delle caratteristiche del soggetto proponente, della qualità progettuale, dell’impatto sul territorio e sulle comunità di riferimento, della sostenibilità dell’idea e della coerenza del budget.


Co-progettazione

Luoghi Comuni utilizza la co-progettazione per la realizzazione dei progetti.

Per ogni spazio disponibile, l’Organizzazione giovanile che avrà superato la fase di valutazione con il miglior punteggio sarà convocata a partecipare al tavolo di co-progettazione per dettagliare e discutere la proposta candidata. Al processo di co-progettazione parteciperanno l’Ente titolare dello spazio, l’ARTI (Agenzia Regionale per la Tecnologia e l’Innovazione), la Regione Puglia e l’Organizzazione giovanile selezionata.

Questo strumento consente agli Enti pubblici e alle Organizzazioni giovanili del Terzo Settore di precisare gli interventi da realizzare in base ai bisogni del territorio. Si fonda quindi sulla condivisione degli intenti e sulla compartecipazione dei soggetti coinvolti.
Al termine della co-progettazione si giungerà al progetto esecutivo di dettaglio.

La co-progettazione è delineata all’interno del “Codice del Terzo Settore” approvato con Decreto legislativo n. 117 del 3 luglio 2017.


In caso di ammissione

In caso di esito positivo della co-progettazione, l’Organizzazione giovanile sottoscriverà un Accordo di collaborazione con la Regione Puglia, l’ARTI e l’Ente titolare dello spazio per la realizzazione dei servizi co-progettati.

Inoltre, l’Ente titolare dello spazio e l’Organizzazione giovanile selezionata stipuleranno un contratto di comodato d’uso gratuito dello spazio messo a disposizione.

L’Organizzazione giovanile realizzerà il progetto per la durata di 24 mesi. L’Ente titolare dello spazio e l’ARTI provvederanno a monitorare il servizio co-progettato e a coadiuvare l’Organizzazione giovanile nello sviluppo dell’iniziativa di innovazione sociale. L’ARTI corrisponderà il contributo accordato direttamente all’Organizzazione giovanile che realizzerà i servizi co-progettati.