0
(Vedi tutti)
spazi in catalogo

»

    Luoghi Comuni è la nuova iniziativa delle Politiche Giovanili della Regione Puglia e dell'ARTI.

    Luoghi Comuni finanzia progetti di innovazione sociale da realizzare in spazi pubblici sottoutilizzati e promossi da Organizzazioni giovanili pugliesi.

    L'iniziativa

    Partecipa

    Blog

    • On-line i primi spazi candidati a Luoghi Comuni

      Pubblicata la mappa dei luoghi pubblici che accedono al programma

      “Si apre il catalogo di un’offerta di spazi che adesso aspettano solo di essere riempiti da buone idee proposte e organizzate dai giovani pugliesi”, dice l’assessore regionale alla Politiche giovanili, Raffaele Piemontese. Sono 8 gli spazi, tra i quali Musei, Teatri, Centri di…

      Leggi tutto »
    • Via alla candidatura degli spazi!

      Attiva da oggi la procedura dedicata agli Enti pubblici

      A partire dalle ore 12 dell'11 dicembre 2018 è possibile registrarsi come Ente pubblico alla piattaforma Luoghi Comuni. Ogni utente sarà associato all’Ente pubblico di appartenenza e potrà compilare il formulario di candidatura degli spazi da mettere a disposizione dei progetti di innovazione…

      Leggi tutto »

    Eventi

    Recenti

    • 1 Mar

      Le opportunità per i giovani, Luoghi Comuni e PIN a Bitetto

      Bitetto
      Leggi tutto »
    • 22 Feb

      Presentazione dell’Iniziativa ad Adelfia

      Adelfia
      Leggi tutto »
    • 19 Feb

      Luoghi Comuni a Santeramo in Colle

      Santeramo
      Leggi tutto »
    • 5 Feb

      Incontro di presentazione a Molfetta

      Molfetta
      Leggi tutto »
    • 24 Gen

      Luoghi Comuni a Guagnano

      Guagnano
      Leggi tutto »

    FAQ

    Seleziona un profilo
    • Ente pubblico
    • Organizzazione giovanile
    • In caso di immobili molto grandi, è possibile candidare diverse porzioni per attivare più progetti?

      Ai sensi dell’art. 6 dell’Avviso, è possibile candidare porzioni di spazi solo se dotate di adeguata autonomia funzionale rispetto al corpo di cui sono parte, ovvero dotate di impianti (elettrico, di riscaldamento, idrico-fognario) di propria pertinenza. Ciò al fine di consentire la realizzazione di attività di innovazione sociale che favoriscano la partecipazione delle comunità locali e che garantiscano la sostenibilità economica del progetto.

      La porzione di spazio individuata e candidata, qualora selezionata e ammessa alle fasi successive, sarà oggetto di avviso pubblico rivolto alle Organizzazioni giovanili del Terzo settore così come previsto all’art. 12 dell’Avviso rivolto agli Enti.
      Tutte le procedure di assegnazione delle singole porzioni di spazio restano autonome e fra loro indipendenti.

    • È possibile candidare aree verdi pubbliche?

      Ai sensi dell’art. 6 dell’Avviso per manifestazione di interesse rivolto agli Enti pubblici, gli spazi candidabili devono essere in buono stato di conservazione, immediatamente fruibili, salubri e dotati di servizi igienici.

      Qualora gli spazi all’aperto abbiano anche queste caratteristiche, allora possono essere candidati.

      Infine, riguardo la candidatura di tali spazi, è utile prestare particolare attenzione non solamente ai requisiti di ammissibilità ma anche ai criteri di valutazione riportati all’art. 9. La commissione valuterà in particolare la compatibilità dello spazio candidato con le finalità della misura e la capacità dello stesso di consentire la realizzazione di servizi e attività economicamente sostenibili.

    • Gli immobili di proprietà o nella disponibilità di soggetti pubblico-privati possono essere candidabili all’Avviso?

      I soggetti che possono candidare gli spazi dovranno essere necessariamente Enti pubblici ai sensi dell’art. 1 comma 2 del  D.Lgs 165/2001.

      Inoltre, ai sensi dell’art. 6 dell’Avviso per manifestazione di interesse, gli spazi candidabili devono:

      • essere localizzati sul territorio della Regione Puglia;
      • essere nella piena disponibilità dell’Ente proponente (in quanto proprietario o perché ne abbia, a qualsiasi titolo, la piena disponibilità per un periodo pari almeno a 36 mesi);
      • essere privi di un soggetto gestore (o di un concessionario) privato già convenzionato ovvero con una gestione in scadenza entro 3 mesi;
      • essere in buono stato di conservazione, immediatamente fruibili, salubri e dotati di servizi igienici, al fine di garantire la realizzazione in sicurezza di attività di rilevanza sociale e di pubblica utilità.
    • Gli ambiti di intervento prioritario elencati nella nota 3 in calce all'art. 6 dell'Avviso sono tassativi? È possibile candidare immobili già allestiti e vincolati a una destinazione specifica, ad esempio un museo che sarebbe candidato per un progetto di gestione?

      Gli Enti hanno la possibilità di indicare gli eventuali ambiti di intervento prioritari scegliendo tra quelli riportati all’art. 6 (nota n. 3) dell’Avviso per manifestazione di interesse rivolta agli Enti pubblici.

      Gli ambiti prescelti dovranno essere indicati nell’Atto deliberativo dell’Ente e riportati coerentemente nella candidatura online dello spazio. Nella stessa candidatura gli Enti dovranno indicare l’attuale destinazione d’uso dello spazio, eventuali vincoli di tutela e le prescrizioni per attività con indicazione degli usi consentiti/non consentiti dai vincoli sussistenti.

    Hai una domanda per noi? Contattaci