Spazi

Museo - Centro studi del Negroamaro

Immobile dell'Ottocento nato con funzione di palmento inserito da Comune di Guagnano

Bando scaduto

Scaduto il 01.07.19
Non puoi più candidare un progetto per questo spazio: il bando è scaduto. Scarica bando
via Castello snc
Guagnano (LE)
405 mq
di cui 278 al coperto
3 locali

Ambiti di intervento prioritari

  • Attività turistiche di interesse sociale, culturale

Restrizioni all'accesso

Nessuna restrizione all'accesso.

Prescrizioni per la manutenzione

Essendo un immobile di interesse culturale che ricade nel centro storico dell’agglomerato urbano è vincolato alla Parte II del D.L.vo 42/2004 - Beni culturali. Non è possibile eseguire lavori di manutenzione senza il parere favorevole della Sopraintendenza. In particolare non è ammesso l’impiego di materiali non conformi a quelli utilizzati storicamente per la realizzazione della struttura.

Prescrizioni per attività

Nessuna prescrizione, anzi il Museo nasce con la finalità di valorizzare e promuovere il mondo del vino anche attraverso il recupero delle tradizioni e dei riti legati alla vite e alla civiltà contadina.

29 maggio 2019 Open day

In questa giornata sarà possibile visitare liberamente lo spazio e incontrare un referente dell'Ente proponente.

Vedi dettagli

Descrizione generale dello spazio

Il Museo è il luogo simbolo della cultura locale di Guagnano. È situato nel centro storico, in via Castello, adiacente a Piazza Madonna del Rosario. È un ex palmento dell’Ottocento, realizzato con materiali locali e costituito da un vano centrale con volta a botte, in cui sono contenuti antichi attrezzi agricoli utilizzati per la lavorazione dell’uva e per la vinificazione.

Contesto territoriale e sociale

Guagnano insiste nella Terra d’Arneo, è il comune più a nord della provincia di Lecce e ricade nell’Unione dei Comuni Nord Salento. Il Museo del Negroamaro è un luogo rappresentativo della cultura locale. L'attività economica è legata alla coltivazione della vite, prevalentemente costituita da vitigno negroamaro. Il Comune è al centro della produzione DOC del Salice Salentino tutelato dell’omonimo Consorzio di cui le 7 cantine vitivinicole ricadono nel territorio di Guagnano. Rilevante è la produzione di uve da tavola: l’uva Cardinale. I giovani con età compresa tra i 18 e i 35 anni sono 955. Con l’aumento dell’indice di vecchiaia, impoverimento della popolazione, forte è la richiesta di implementazione di politiche per le giovani generazioni.

Stato di sicurezza, salubrità e igiene

L’immobile è in buono stato di conservazione ed è completamente agibile in quanto gli ultimi lavori di ristrutturazione sono stati realizzati nel 2015. È salubre e dotato di doppi servizi igienici anche per disabili, presenta pavimento in lastre di pietra e infissi in legno. La struttura è servita da energia elettrica, da allacci idrici e fognanti.

Punti di forza e criticità

  • Collocato in pieno centro storico
  • Completamente accessibile
  • Luogo fortemente identitario
  • Sottoutilizzato
  • Manutenzione ordinaria costante
  • Umidità di risalita

Fruibilità dello spazio

Lo spazio è adiacente a piazzetta Livio Tempesta, dotata di area parcheggio, con posti riservati anche ai portatori di handicap. Sono presenti altre aree sosta pubblica lungo le vie collaterali. A 50 m dall’immobile corre la SS7 ter, che collega Lecce a Taranto, dove sono collocate 3 fermate degli autobus FSE. Inoltre la locale stazione ferroviaria Sud - Est dista dall’immobile appena 500 m (Guagnano è posto sulla linea Lecce-Martina Franca). Il museo è posto nelle immediate vicinanze della parrocchia e della scuola.

Obiettivi e compartecipazione dell'Ente

L’obiettivo è far diventare il museo luogo di aggregazione giovanile, di sviluppo turistico e culturale, di promozione territoriale. L'Amministrazione auspica la creazione di: una Enoteca Comunale per organizzare master class ed incontri tematici sull’enologia e sull’agricoltura, la “Casa dell’Ospite” con funzione strumentale di Info Point turistico, del front office e del booking center. Il Comune comparteciperà al progetto con: il pagamento delle utenze, la concessione dello spazio pubblico esterno, il supporto logistico nell’organizzazione delle attività, l'attivazione della rete delle realtà del territorio. L’Ente svolgerà attività di monitoraggio sul numero e la provenienza dei visitatori, nonché sulla qualità delle attività e sulla rete attivata.

Questo spazio non è più disponibile

I termini per le candidature sono scaduti alle ore 12:00 del 1 luglio 2019

2 candidature pervenute per questo spazio

  • HostAria del Negroamaro Circolo Arci Rubik
  • “vinea, storie di negroamaro” Associazione di Promozione Sociale UFAN
I componenti della commissione di valutazione sono stati individuati mediante sorteggio pubblico che si è tenuto presso la sede di ARTI il giorno 04/07/2019 alle ore 10:00.
Commissione: Marilena Lucivero, Daniele Borrelli, Michele Giovinazzo.

Accede alla fase di co-progettazione il progetto HostAria del Negroamaro.

Scarica verbali
Altri bandi
  • In scadenza
    Vai alla scheda »
    Immobile Largo Totila
    Immobile di proprietà comunale ristrutturato nel 2018
    Monte Sant'Angelo (FG), 40 mq
  • Nelle vicinanze
    Vai alla scheda »
    Auditorium - Laboratorio Urbano
    Spazio coperto a forma di anfiteatro con superficie libera di circa 200 mq
    Caprarica di Lecce (LE), 280 mq