Spazi

Museo - Centro studi del Negroamaro

Immobile dell'Ottocento nato con funzione di palmento inserito da Comune di Guagnano

Bando attivo

Scade il 01.07.19
Hai ancora 38 giorni per candidare un progetto per questo spazio. Scarica bando
via Castello snc
Guagnano (LE)
405 mq
di cui 278 al coperto
3 locali

Ambiti di intervento prioritari

  • Attività turistiche di interesse sociale, culturale

Restrizioni all'accesso

Nessuna restrizione all'accesso.

Prescrizioni per la manutenzione

Essendo un immobile di interesse culturale che ricade nel centro storico dell’agglomerato urbano è vincolato alla Parte II del D.L.vo 42/2004 - Beni culturali. Non è possibile eseguire lavori di manutenzione senza il parere favorevole della Sopraintendenza. In particolare non è ammesso l’impiego di materiali non conformi a quelli utilizzati storicamente per la realizzazione della struttura.

Prescrizioni per attività

Nessuna prescrizione, anzi il Museo nasce con la finalità di valorizzare e promuovere il mondo del vino anche attraverso il recupero delle tradizioni e dei riti legati alla vite e alla civiltà contadina.

Spazio aggiunto in catalogo il 15 aprile 2019

29 maggio 2019 Open day

In questa giornata sarà possibile visitare liberamente lo spazio e incontrare un referente dell'Ente proponente.

Vedi dettagli

Descrizione generale dello spazio

Il Museo è il luogo simbolo della cultura locale di Guagnano. È situato nel centro storico, in via Castello, adiacente a Piazza Madonna del Rosario. È un ex palmento dell’Ottocento, realizzato con materiali locali e costituito da un vano centrale con volta a botte, in cui sono contenuti antichi attrezzi agricoli utilizzati per la lavorazione dell’uva e per la vinificazione.

Contesto territoriale e sociale

Guagnano insiste nella Terra d’Arneo, è il comune più a nord della provincia di Lecce e ricade nell’Unione dei Comuni Nord Salento. Il Museo del Negroamaro è un luogo rappresentativo della cultura locale. L'attività economica è legata alla coltivazione della vite, prevalentemente costituita da vitigno negroamaro. Il Comune è al centro della produzione DOC del Salice Salentino tutelato dell’omonimo Consorzio di cui le 7 cantine vitivinicole ricadono nel territorio di Guagnano. Rilevante è la produzione di uve da tavola: l’uva Cardinale. I giovani con età compresa tra i 18 e i 35 anni sono 955. Con l’aumento dell’indice di vecchiaia, impoverimento della popolazione, forte è la richiesta di implementazione di politiche per le giovani generazioni.

Stato di sicurezza, salubrità e igiene

L’immobile è in buono stato di conservazione ed è completamente agibile in quanto gli ultimi lavori di ristrutturazione sono stati realizzati nel 2015. È salubre e dotato di doppi servizi igienici anche per disabili, presenta pavimento in lastre di pietra e infissi in legno. La struttura è servita da energia elettrica, da allacci idrici e fognanti.

Punti di forza e criticità

  • Collocato in pieno centro storico
  • Completamente accessibile
  • Luogo fortemente identitario
  • Sottoutilizzato
  • Manutenzione ordinaria costante
  • Umidità di risalita

Fruibilità dello spazio

Lo spazio è adiacente a piazzetta Livio Tempesta, dotata di area parcheggio, con posti riservati anche ai portatori di handicap. Sono presenti altre aree sosta pubblica lungo le vie collaterali. A 50 m dall’immobile corre la SS7 ter, che collega Lecce a Taranto, dove sono collocate 3 fermate degli autobus FSE. Inoltre la locale stazione ferroviaria Sud - Est dista dall’immobile appena 500 m (Guagnano è posto sulla linea Lecce-Martina Franca). Il museo è posto nelle immediate vicinanze della parrocchia e della scuola.

Obiettivi e compartecipazione dell'Ente

L’obiettivo è far diventare il museo luogo di aggregazione giovanile, di sviluppo turistico e culturale, di promozione territoriale. L'Amministrazione auspica la creazione di: una Enoteca Comunale per organizzare master class ed incontri tematici sull’enologia e sull’agricoltura, la “Casa dell’Ospite” con funzione strumentale di Info Point turistico, del front office e del booking center. Il Comune comparteciperà al progetto con: il pagamento delle utenze, la concessione dello spazio pubblico esterno, il supporto logistico nell’organizzazione delle attività, l'attivazione della rete delle realtà del territorio. L’Ente svolgerà attività di monitoraggio sul numero e la provenienza dei visitatori, nonché sulla qualità delle attività e sulla rete attivata.

Ti interessa questo spazio?

Candida il tuo progetto entro le ore 12:00 del 1 luglio 2019

Altri bandi
  • Appena attivato
    Vai alla scheda »
    Museo della radio
    Museo della radio con annesso frantoio ipogeo
    Tuglie (LE), 388 mq
  • Appena attivato
    Vai alla scheda »
    Palazzo Marchesale Belmonte Pignatelli
    Porzione a piano terra del Palazzo Marchesale 'Belmonte Pignatelli'
    Galatone (LE), 92 mq